Via terra e via mare, il mutuo aiuto globale e il lavoro di solidarietà sono all’altezza dell’occasione per affrontare un’altra minaccia esistenziale alla continua esistenza dell’umanità: la guerra e il genocidio.  

In ogni disastro, l’aiuto reciproco e la solidarietà sono il modo in cui le persone sopravvivono. Il disastro della guerra non fa eccezione. Ad ogni atrocità, che riempie i titoli dei giornali internazionali e i feed dei social media, è stata data risposta da un’umanità persistente; un’ondata di cura e sostegno collettivi. Una flottiglia si avvicina, i convogli di solidarietà medica trasportano medici di mutuo soccorso, il cibo viene condiviso, le porte vengono aperte, gli organizzatori sfruttano l’assistenza legale, il sostegno finanziario e amplificano le chiamate attraverso fitte e vaste reti comunitarie, e fluidi sforzi di solidarietà insegnano speranza e responsabilità comune.  


Il
Flottiglia della libertà è stato bloccato ma non fermato poiché il convoglio marittimo ha ancora gli occhi puntati su Gaza, imperterrito, per trasportare migliaia di tonnellate di aiuti umanitari. Alla flotta sono state tolte le bandiere delle navi, un altro esempio di come tattiche forti, barricate e meschini tecnicismi inventati vengano utilizzati per bloccare gli aiuti, parte di una strategia più ampia di utilizzo la fame come arma di guerra. Ma questa non è di gran lunga la peggiore repressione che la Freedom Flotilla abbia mai subito. Nel 2010, commando navali israeliani hanno fatto irruzione nelle navi in ​​acque internazionali da motoscafi ed elicotteri, uccidendo dieci civili a bordo e confiscando le navi e il loro carico umanitario. La Freedom Flotilla, allora come oggi, si impegna a trovare un modo per dividere le acque e continuare a portare aiuti alla Striscia assediata.

Un messaggio del dottor Mahmoud Abu Nujaila con Medici Senza Frontiere prima che l'ospedale in cui lavorava venisse bombardato. Si legge: “Chi resterà fino alla fine racconterà la storia. Abbiamo fatto quello che potevamo. Ricordati di noi."

In Kaddish per l'anima del giudaismo, Amanda Gelender chiede: “Gaza sta morendo di fame, può mangiare al nostro Seder? Puoi saltare sui binari prima che questo treno arrivi a Bergen-Belsen?" Il mondo intero risponde: “Sì”. Sette anime coraggiose con La World Central Kitchen fu uccisa per aver fatto proprio questo, che è solo l’esempio più noto e lampante degli attacchi contro gli operatori umanitari a Gaza. Gruppi come il Centro Ebraico per la Nonviolenza, la Movimento internazionale di solidarietàe Squadre comunitarie di pacificatori prevenire regolarmente la pulizia etnica dei palestinesi fornendo una presenza protettiva non violenta nelle comunità minacciate. Anche nella società israeliana stanno fiorindo, diventando progetti liberatori di mutuo soccorso un rifugio che non potrà mai essere distrutto, come Cultura della Solidarietà, che condivide cibo e altri beni di prima necessità con i palestinesi e Tayyush, i cui partecipanti mettono in gioco i loro corpi per impedire la pulizia etnica insieme ai loro amici internazionali e palestinesi.

In tutto l’Egitto si è creata una costellazione di relazioni organizzative e di mutuo soccorso a più livelli ha accolto i profughi palestinesi e ha facilitato un convoglio dopo l'altro di aiuti umanitari per sfondare il valico di frontiera di Rafah e aiutare a far circolare gli aiuti attraverso la Striscia di Gaza. Sebbene il Mutual Aid Disaster Relief sia stata una rete di soccorso in caso di catastrofe basata principalmente negli Stati Uniti, a causa del fallimento della comunità internazionale, comprese le agenzie umanitarie internazionali, nel fornire aiuti adeguati al popolo palestinese di Gaza, e della complicità delle istituzioni internazionali con gli atti di genocidio israeliani, e basandoci sulle forti relazioni e connessioni che i nostri volontari hanno coltivato con i palestinesi, ci stiamo coordinando con organizzatori autonomi di base sul campo in Palestina ed Egitto per far passare convogli di aiuti attraverso il valico di Rafah, uno sforzo che puoi sostenere qui

Un altro modo per sostenere finanziariamente è donare direttamente alle famiglie palestinesi. Una guida per evacuare gli abitanti di Gaza attraverso il valico di Rafah spiega i passaggi per fuggire, un processo costoso. Molte raccolte fondi per le famiglie palestinesi per sostenere questa e altre spese di emergenza stanno circolando organicamente attraverso i social media. Se vuoi aiutare in questo modo ma non sai da dove cominciare, Progetto Anguria ha consolidato molte di queste raccolte fondi in a foglio di calcolo utile

Indipendentemente da quanto tempo esiste una particolare zona autonoma o se alla fine viene violentemente schiacciata, lo spirito di libertà non può essere estinto. Se coloro che detengono il potere sono in grado di sopprimere e liberare temporaneamente una zona autonoma, che si tratti di un’occupazione universitaria o di un’intera regione come Gaza, ciò non fa altro che diffonderne lo spirito in lungo e in largo, in ogni persona – un seme, un’incarnazione vivente dello spirito di liberazione in quel luogo – si disperde ai venti e manifesta di nuovo il suo desiderio di libertà in contesti diversi, sotto un cielo diverso, cercando la liberazione da ogni fiume a ogni mare, attraverso ogni assedio e attorno a ogni esercito.

Sotto le macerie del mondo bombardato dall'umanità, i palestinesi e coloro che sono solidali con i palestinesi stanno insegnando al mondo come sopravvivere al disastro. Stiamo ascoltando e speriamo che lo farai anche tu.