Alla fine dell'anno scorso, abbiamo concluso il nostro secondo tour in officina. Per tre mesi, ci siamo spostati da Albuquerque a San Diego, poi a nord verso Seattle e attraverso il Midwest nel Wisconsin, per un totale di fermate 21. Viaggiando verso ovest, volevamo capire i disastri unici che le comunità stanno affrontando, le lezioni che hanno già imparato ed esplorare come una rete di base potrebbe trasportare risorse, informazioni e storie attraverso i cosiddetti Stati Uniti Clicca qui per leggere la nostra riflessione sul tour autunnale.

I membri della comunità che abbiamo visitato a Chico durante il tour hanno subito risposto agli incendi sotto il nome di North Valley Mutual Aid. Per tenere il passo con quello che stanno facendo, controlla il loro pagina Facebook. Nel frattempo, Maschera Oakland, 805 Undocufunde altri stanno anche proliferando il movimento per soccorsi in caso di catastrofi autonomi e basati sulla solidarietà.

Interessato al contenuto dei seminari, ma non sei riuscito a raggiungere una delle nostre tappe o vuoi organizzare seminari nella tua comunità? Leggi il nostro Guida alla facilitazione.

A dicembre, abbiamo sperimentato da vicino il complesso industriale senza scopo di lucro a Panama City, dopo l'uragano Michael, quando gli abitanti della tenda sono stati sfrattati dopo che un'associazione senza scopo di lucro ha rilevato l'accampamento di sopravvissuti e lavoratori creati. Per saperne di più su quella serie di eventi, clicca qui.

Per leggere altri aggiornamenti degli ultimi due mesi, clicca qui.

Ascoltare "Affrontare il disastro: guardare indietro a un anno di sollievo autonomo"(Una riflessione sui nostri sforzi dell'anno scorso, comprese le risposte agli uragani Firenze, all'uragano Michael, alla continua solidarietà con le persone a Puerto Rico e alle escursioni campestri) clicca qui.

I disastri continuano a venire. Di recente c'è stato un fuoriuscita di liquami sulla terra di Suquamish nel nord-ovest, inondazioni in California e tornado in Alabama. E nel Midwest e nel nord-est il Vortice polare, come con i fuochi e gli uragani, aveva lavoratori incarcerati che sopportano il peso del tempo estremo. Per molti, l'arresto del governo, la creazione di un muro di frontiera, la raccolta e la deportazione di centinaia di migliaia di immigrati è un disastro altrettanto devastante come un uragano o un incendio.

Molti di noi conoscono la necessità di questo lavoro in modo intuitivo, ma ci sono sempre più prove a riguardo il sollievo delle grandi organizzazioni favorisce i già ricchi e privilegiati.

Man mano che i disastri diventano sempre più la nuova norma, affrontiamo la necessità di adattamento e crescita. Nel parole di Raul Zibechi, "Questa nuova realtà disabilita le nostre vecchie strategie e ci costringe a costruire" archi "(o comunque ognuno voglia chiamare gli spazi di autonomia e autodifesa) che non abbiamo bisogno di naufragare e morire nella tempesta".

Oltre al trauma legato all'esposizione alla sofferenza, alcuni di noi affrontano il trauma aggiunto della repressione statale. Ai volontari di No Mas Muertes (No More Deaths) sono state inflitte multe e libertà vigilata per aver messo l'acqua nel deserto per i migranti. Ulteriori processi per i volontari di base dell'aiuto umanitario, comprese le accuse di reati federali, sono previsti per maggio 2019.

Ma su una nota positiva, sempre più collettivi e individui stanno integrando programmi di sopravvivenza di mutuo soccorso nei loro sforzi organizzativi. Molte persone in tutto il paese hanno segnato l'anniversario degli arresti di J20 creando o espandendo questi programmi nelle loro comunità di origine. Sul bordo, campi di resistenza stanno sorgendo e collegando i punti tra i diritti degli indigeni e la giustizia dei migranti, una posizione che diventerà sempre più necessaria poiché gli scienziati del clima e gli esperti di migrazione si aspettano che il numero di rifugiati climatici sia potenzialmente salire a centinaia di milioni in un futuro non così lontano.

Per quanto riguarda gli eventi imminenti, alla fine di marzo si terrà un incontro regionale di condivisione di competenze in caso di catastrofi nell'Atlantico medio per persone nella bioregione Nord / Sud Carolina e Virginia, e ci sono sussurri di un simile raduno regionale in Florida, nonché un Vertice del fuoco di mutuo soccorso in Oregon.

Nel regno dell'arte, cerca il film Fire and Flood: Queer Resilience in the Era of Climate Change e Conteggio dei ciottoli, un nuovo gioco sul trauma e la resilienza tra i soccorritori di emergenza.

Siamo sporadicamente ancora a terra, rispondendo con forniture, assistenza medica, infrastrutture solari e altro ancora. Ma, in larga misura, ci troviamo in un periodo di auto-riflessione, integrando le nostre esperienze e altri compagni, ponendoci grandi domande come come essere più efficaci e sostenibili e preparandoci per prepararci a futuri disastri.

Crediamo in ciò che stiamo costruendo insieme. Solo un movimento di movimenti può aiutarci a sopravvivere allo spettro della devastazione climatica che si profila all'orizzonte. Ma troviamo conforto e speranza nel vedere crescere questo movimento di movimenti. E nel vedere il coraggio, la compassione e l'ingegnosità di così tanti sopravvissuti al disastro e persone come te che stanno facendo il lavoro di costruzione di un mondo migliore e sognando con le mani in innumerevoli modi.

Il tuo in lotta,

- Aiuto in caso di catastrofe di aiuto reciproco