አማርኛ العربية 简体中文 English Français Deutsch ગુજરાતી Kreyol ayisyen עִבְרִית हिन्दी Italiano 日本語 한국어 فارسی Polski Português Русский Afsoomaali Español اردو Tiếng Việt יידיש

Informazioni generali

Casa/Informazioni generali
Informazioni generali2021-06-23T00:34:10-04:00

Mutual Aid Disaster Relief è una rete di soccorso in caso di calamità basata sui principi di solidarietà, mutuo soccorso e azione diretta autonoma.

Struttura organizzativa

Rete Nazionale

La nostra rete nazionale è composta da molti eco-attivisti, attivisti per la giustizia sociale, attivisti per la giustizia globale, medici di strada, erboristi, permaculturalisti, organizzatori di mutuo soccorso, organizzatori di liberazione dei neri, organizzatori di comunità e altri che si stanno attivamente organizzando per sostenere i sopravvissuti al disastro in un spirito di mutuo soccorso e solidarietà. È una rete decentralizzata nei cosiddetti Stati Uniti, definita dal carattere e dalla creatività di una moltitudine di comunità e unita dal nostro impegno collettivo di essere solidali con coloro che sono colpiti dai disastri e invertire la tendenza a favore della giustizia climatica. Costruiamo la nostra rete attraverso l'educazione e l'azione, valorizzando sia il processo decisionale collettivo che l'autonomia. Siamo profondamente commossi dai programmi di sopravvivenza della Pantera Nera che servivano allo scopo di soddisfare i bisogni immediati e allo stesso tempo aumentare la coscienza delle persone. Solleviamo e sosteniamo gli sforzi delle comunità in prima linea che guidano i propri recuperi sulla scia di momenti di crisi visibili e di disastri invisibili e in corso del capitalismo, della colonizzazione, dell'estrazione di risorse, della violenza di genere e della supremazia bianca tra le altre forme di dominio. Radicati nella nostra storia e nelle esperienze di organizzazione dei movimenti sociali, vediamo il nostro lavoro di soccorso in caso di calamità nel contesto della lotta sociale e crediamo che dobbiamo allo stesso tempo affrontare i bisogni immediati autodeterminati delle persone per la sopravvivenza e organizzarci per cambiamenti fondamentali nel modo in cui ci relazioniamo gli uni con gli altri e la terra.

Consiglio parlamentare

Crescendo dai semi dei movimenti autonomi, anti-autoritari, per la giustizia globale e per l'occupazione, il consiglio portavoce è il principale organo organizzativo del soccorso in caso di disastro reciproco. Chiamato anche "tutte le mani", "assemblea generale" o "cerchio generale", i partecipanti lavorano in modo collaborativo e orizzontale per avvicinare il soccorso in caso di disastro di mutuo soccorso al raggiungimento della sua missione e visione. A seconda delle dimensioni e della capacità, tutte le persone affiliate all'organizzazione in corso, o solo delegati di gruppi di affinità e gruppi di lavoro, coordinano e collaborano per condividere aggiornamenti, prendono decisioni che influenzano il soccorso in caso di disastro reciproco nel suo complesso, stabiliscono la direzione generale con il input di tutte le parti coinvolte e aiutano a coordinare le attività tra i diversi gruppi di affinità e gruppi di lavoro. Quando si cerca il consenso / consenso, piuttosto che chiedersi: "Sono d'accordo al 100%?" la domanda operativa è "Posso convivere con questo?" Questo approccio, combinato con la nostra pratica di devolvere il processo decisionale alla scala più locale possibile, riduce al minimo i conflitti e promuove un ambiente favorevole sia alla condivisione del potere decisionale che al rispetto dell'azione autonoma.

Comitato direttivo

Il comitato direttivo è composto da un gruppo dinamico di circa una dozzina di persone provenienti da tutto il paese. Numerosi membri del comitato direttivo sono stati coinvolti in precedenti progetti di aiuto in caso di catastrofe di aiuto reciproco tra cui Common Ground e Occupy Sandy. I membri del comitato direttivo istruiscono, organizzano e mobilitano il sostegno ai progetti di soccorso in caso di catastrofe nelle rispettive comunità, regioni e reti. Lavorando con un tocco leggero, forniscono soccorso reciproco in caso di disastro con continuità e sostenibilità organizzativa a lungo termine, lavorano per costruire la leadership all'interno della rete nazionale e lavorano a stretto contatto con i gruppi di lavoro di soccorso in caso di disastro, i gruppi di affinità e il portavoce per garantire la continuità con le campagne, le esigenze e i processi di soccorso in caso di disastro.

Gruppi di lavoro

Esistono gruppi di lavoro semi-autonomi all'interno della rete di soccorso in caso di aiuto reciproco per aiutare a portare avanti determinati aspetti del nostro lavoro. Alcuni gruppi di lavoro sono temporanei e si formano attorno a esigenze specifiche come l'organizzazione specifica del luogo o una brigata di solidarietà durante uno specifico disastro. Altri gruppi di lavoro sono più permanenti, come medico / benessere, media / comunicazioni e responsabilità finanziaria. I gruppi di lavoro comunicano tramite teleconferenze, e-mail, elenchi, segnali e / o sul campo e sono un punto di accesso in cui chiunque nella rete può essere più coinvolto nella definizione della direzione del soccorso in caso di catastrofe. Per essere coinvolto in un gruppo di lavoro o per crearne uno nuovo, contattaci all'indirizzo [email protected] Inoltre, crediamo nell'orizzontalità, nel decentramento, nella prefigurazione e nel fatto che le decisioni e le azioni più efficaci si svolgono a livello di coloro che sono più vicini al problema o maggiormente colpiti dalla soluzione. Pertanto, quando possibile, incoraggiamo fortemente la formazione di gruppi di affinità in grado di mantenere la loro auto-organizzazione e autonomia, mentre allo stesso tempo ci colleghiamo e lavoriamo con l'organizzazione in corso di soccorso in caso di aiuto reciproco.

La nostra storia

La mattina presto del 19 settembre 1985, un forte terremoto colpì la costa pacifica di Michoacán. Città del Messico è stata devastata. Almeno 5,000 persone hanno perso la vita. 800,000 persone sono rimaste senza casa. Mentre i soldati e la polizia restavano in gran parte a guardare, i vicini si nutrivano e si riparavano a vicenda, formando squadre di pulizia e brigate di soccorso. Questi brigadisti, come venivano chiamati, hanno tirato fuori le persone dalle macerie e gli studenti si sono sdraiati davanti alle ruspe in modo che la ricerca dei sopravvissuti potesse continuare. Damnificados, come venivano chiamati i nuovi senzatetto, ottennero il diritto alla casa. Le sarte, dopo aver visto i proprietari salvare i macchinari prima delle persone, hanno avviato un'unione di donne, persone organizzate collettivamente in assemblee popolari. Queste esperienze hanno portato molti a chiedersi perché avessero bisogno di uno stato centralizzato che non si preoccupasse del benessere o della sopravvivenza della sua gente. Con questa comprensione, la società civile messicana si è risvegliata. L'11 settembre 2001, due aerei hanno colpito il World Trade Center. Un altro ha colpito il Pentagono. Un quarto aereo si è schiantato a Shanksville, in Pennsylvania, dopo una lotta tra passeggeri e dirottatori. Ciò che la maggior parte delle persone conosce delle conseguenze dell'9 settembre è la storia dell'élite: la riduzione delle libertà civili, la guerra in Afghanistan (e più tardi in Iraq), la persecuzione mirata di musulmani e arabi da parte dello Stato e altri. Ma New York City ha avuto un'esperienza diversa. Simile all'eccezionale coraggio delle persone sul 11° piano, le persone nelle torri gemelle e nelle aree circostanti si sono aiutate a vicenda per mettersi in salvo. I pedoni hanno diretto il traffico a quasi tutti gli incroci in modo che le ambulanze potessero raggiungere i feriti. Cucine improvvisate spuntavano ovunque. La gente normale ha rubato gli yacht per salvare gli altri dalla caduta di detriti e fumo. Le persone hanno temporaneamente requisito un molo per fungere da hub decentralizzato di distribuzione di forniture non burocratico e quartier generale di volontari. E oltre mille persone si sono offerte volontarie per accompagnare le donne musulmane che indossavano l'hijab che si sentivano insicure a camminare in pubblico. Nelle parole degli artisti hip hop Jay Z e Alicia Keys, era una "giungla concreta dove sono fatti i sogni".

Il 29 agosto 2005, l'uragano Katrina ha colpito la costa del Golfo. Più di 1,800 persone hanno perso la vita. Nell'atmosfera apocalittica di New Orleans, pochi giorni dopo l'uragano Katrina, qua e là, la vita si stava riorganizzando. Di fronte all'inerzia delle autorità pubbliche, troppo impegnate a ripulire le zone turistiche del Quartiere Francese, a proteggere i negozi e a rispondere con i fucili automatici alle richieste di aiuto dei cittadini più poveri, sono rinate forme dimenticate di solidarietà comunitaria . Nonostante i tentativi occasionalmente armati di evacuare l'area, nonostante le folle suprematiste bianche che cacciano e uccidono membri disarmati della comunità nera, molte persone si sono rifiutate di lasciare la città. Per coloro che si sono rifiutati di essere espulsi come “profughi ambientali” in tutto il Paese, e per coloro che sono venuti da tutto il mondo per unirsi a loro in solidarietà, rispondendo a un appello di Malik Rahim, ex Pantera Nera, l'auto-organizzazione è tornata a la ribalta. Malik Rahim, Scott Crow e altri primi cofondatori si sono conosciuti a vicenda dal lavoro di solidarietà dei prigionieri politici, sostenendo l'Angola 3: Robert King Wilkerson, Albert Woodfox e Herman Wallace. Insieme hanno formato Common Ground.

Nel giro di poche settimane, i medici di strada volontari chiamati per il loro lavoro come primi fornitori medici durante le proteste, hanno formato la Common Ground Clinic. Fin dai primi giorni, questa clinica ha fornito cure gratuite ed efficaci, tra cui medicina olistica, alternativa e occidentale a chi ne aveva bisogno, grazie al costante afflusso di volontari. La clinica, la casa di Malik e altri siti Common Ground di nuova formazione, come gli alloggi dei volontari di coloro che sono venuti per pulire e ricostruire le case allagate, sono diventati le basi della resistenza quotidiana all'operazione di pulizia dei bulldozer del governo, che stavano cercando di trasformare parti del città in un pascolo per gli sviluppatori di proprietà. Le persone provenivano dalla giustizia globale, dai contro la guerra, dagli anarchici e da altri movimenti che sono sopravvissuti alla repressione statale sul dissenso. Individui di Food Not Bombs, Indymedia, Veterans for Peace, medici di strada e collettivi per i diritti alla casa, si sono uniti per creare cucine popolari, fornire assistenza medica gratuita, impegnarsi nella costruzione di acquisizioni per prevenirne la distruzione e altro ancora. Nonostante la presenza di almeno uno agente misogino provocatore, Common Ground ha creato ulteriori cliniche sanitarie, una clinica legale, costruito orti comunitari, gestito un rifugio per donne, distribuito aiuti, istituito una biblioteca e una stazione radio per il prestito di attrezzi, sventrato le case, ripulito i detriti, documentato gli abusi della polizia, creato centri media comunitari, biorimediato il suolo e ripiantato le zone umide per costruire una barriera contro la prossima tempesta. La volontà delle persone di impegnarsi in un'azione diretta ha trovato un nuovo contesto nella difesa dell'edilizia popolare, nella riapertura delle porte delle scuole chiuse, nella fornitura di forniture tanto necessarie oltre i checkpoint e nell'aiuto ai membri della comunità a mantenere i loro centri storici di culto nonostante l'opposizione. L'esperienza e la saggezza acquisite dalle mobilitazioni di massa contro la globalizzazione si sono fuse con l'eredità dei programmi di sopravvivenza della Pantera Nera. Questa conoscenza pratica accumulata nel corso di diverse vite di pratica del movimento sociale ha trovato uno spazio in cui potrebbe essere dispiegata. La devastazione di New Orleans da parte dell'uragano Katrina ha dato ai movimenti di liberazione e ad altri dediti alla trasformazione sociale l'opportunità di raggiungere una coesione e un'unità non familiari che trascendessero le vecchie e stanche divisioni basate sull'ideologia o sulla tattica. Le cucine di strada richiedono di accumulare provviste in anticipo; l'assistenza medica di emergenza richiede l'acquisizione delle conoscenze e dei materiali necessari, così come l'installazione di radio pirata. La ricchezza politica di tali esperienze è assicurata dalla gioia che contengono, dal modo in cui trascendono lo stoicismo individuale e dalla loro manifestazione di una realtà tangibile che sfugge all'ambiente quotidiano di ordine e lavoro Chi conosceva la gioia squattrinata di questi quartieri di New Orleans prima della catastrofe , la loro sfida allo stato e la pratica diffusa di arrangiarsi con ciò che è disponibile non sarebbero affatto sorpresi da ciò che è diventato possibile lì. D'altra parte, chiunque sia intrappolato nell'anemica e atomizzata routine quotidiana dei nostri deserti residenziali potrebbe dubitare che tale determinazione possa più essere trovata ovunque. Common Ground non era un'utopia attivista. Nonostante i corsi di formazione anti-oppressione e altri tentativi limitati di arginare comportamenti oppressivi, il razzismo e il sessismo erano ancora presenti. Inoltre, uno dei primi leader di Common Ground, Brandon Darby, che in seguito si rivelò essere un informatore dell'FBI e un agente provocatore, usò la sua posizione di leadership per approfittare delle giovani donne e alienò molte persone con le sue tendenze misogine dominanti, atteggiamenti militanti e altri comportamenti oppressivi. Quando i volontari hanno insistito affinché questo comportamento problematico fosse affrontato, quelle persone piuttosto che il perpetratore sono state espulse dall'organizzazione.

I problemi si estendevano anche ben oltre un individuo. Simile a come nel capitalismo dei disastri, l'élite economica approfitta della situazione per consolidare ulteriormente il proprio privilegio e potere e introdurre riforme economiche neoliberiste, nel patriarcato dei disastri, che era in piena mostra in Common Ground, il senso di crisi e urgenza è stato sfruttato di persone che l'hanno usato come scusa per aggirare i loro principi per convenienza. Valorizzazione del lavoro fisico duro e costante, un ambiente carico di crisi, atteggiamenti militanti, minimizzazione o degradazione delle emozioni e dei bisogni umani fondamentali: queste erano tutte bandiere rosse che dipingevano una cultura organizzativa tossica e insostenibile e non venivano affrontate in modo appropriato. Ci vuole una costante autocoscienza organizzativa e la volontà di riflettere criticamente per non ricadere nella trappola di modalità patriarcali, coloniali o di altro tipo oppressive all'interno degli sforzi organizzativi. Questi esempi di Common Ground che non sono all'altezza dei suoi ideali non dovrebbero essere ignorati o ignorati. Sono, infatti, fondamentali da riconoscere e da cui imparare. Allo stesso tempo, non annulla il lavoro fondamentale e rivoluzionario di solidarietà in caso di catastrofe che Common Ground ha aperto la strada. Spesso non si tratta di se manifestazioni di potere gerarchico sorgono nei nostri movimenti e organizzazioni sociali, ma quando. Quando ciò accade, è fondamentale dargli un nome per quello che è e che questo potere sia contestato, contrastato e compostato affinché qualcosa di nuovo cresca al suo posto.

Inoltre, Brandon Darby era chiaramente parte della versione moderna di COINTELPRO, le stesse forze di controspionaggio che si sono infiltrate e hanno causato la morte e l'imprigionamento di molte persone con le Pantere Nere, il Movimento degli Indiani d'America e altri movimenti per la liberazione collettiva. Common Ground può essere pensato come un'organizzazione di mediazione che collega il tradizionale stile organizzativo rivoluzionario delle Pantere Nere e la leadership diffusa o orizzontalismo di Occupy Sandy. Tutti e tre non condividevano equamente il potere decisionale all'interno delle loro organizzazioni, ma condividevano il potere con le comunità di cui erano a sostegno, ascoltando, chiedendo e rispondendo ai bisogni delle persone, mentre articolavano il supporto per un cambiamento sociale radicale. Simile a quanto accaduto un decennio e mezzo prima in Messico, dopo l'uragano Katrina, la società civile si è risvegliata. Il famoso rapper Kanye West è andato fuori copione in una raccolta fondi senza scopo di lucro dei media mainstream, dicendo: "A George Bush non interessano i neri". Ma al di là di una singola persona, l'intero stato suprematista bianco e coloniale non si preoccupa dei neri, o degli indigeni, dei poveri, delle persone con disabilità, delle persone LGBTQ, delle persone senzatetto o di chiunque altro al di fuori della loro religione di potere e Avidità. Ha cominciato a rendersi conto che molte più persone a New Orleans e in tutti i cosiddetti Stati Uniti non se ne curavano. E noi persone dobbiamo aiutarci a vicenda.

Molte persone che hanno partecipato all'aiuto reciproco dopo l'uragano Katrina si sono concentrate nuovamente sulla costruzione di altri movimenti come il Movimento di solidarietà internazionale, No Mas Muertes, Food Not Bombs, Earth First! Rising Tide, Rain Forest Action Network, Mountain Justice, Beehive Collective, quello che è diventato il movimento Occupy e innumerevoli altri. Ma trovarsi l'un l'altro agendo direttamente e di concerto con le persone colpite per raggiungere la propria sopravvivenza e altri bisogni, oltre a darci un maggiore senso di potere interiore e immaginazioni fecondate, ha anche costruito legami che sono sopravvissuti agli anni. Il 12 gennaio 2010, un devastante terremoto ha colpito Haiti, provocando almeno 100,000 morti. Alcune persone si sono ricongiunte temporaneamente sotto il nome di Mutual Aid Disaster Relief ad Haiti e hanno inviato diverse squadre ad Haiti fornendo cure mediche, forniture e assistenza.

Molti di noi hanno contribuito a chiudere Wall Street, anche se per breve tempo, come parte del movimento Occupy e hanno partecipato ad accampamenti locali. Occupy Wall Street ha avuto inizio nello Zuccotti Park di New York nel 2011, dove un certo numero di manifestanti ha intrapreso un'azione diretta nonviolenta per chiudere Wall Street e sensibilizzare sui problemi dell'ingiustizia economica e della disuguaglianza. Occupy Sandy è cresciuto da Occupy, l'anno successivo, per fornire aiuto reciproco alle comunità colpite dalla super tempesta Sandy. I programmi Occupy Sandy includevano assistenza medica, costruzione, una biblioteca per il prestito di attrezzi, rimozione volontaria della muffa, pasti gratuiti, distribuzione di aiuti, assistenza legale gratuita, un negozio gratuito, servizi educativi e altro ancora. In Oklahoma (OpOK) e in Colorado (Boulder Flood Relief) si sono svolte più piccole mobilitazioni decentralizzate di aiuto reciproco in risposta ai disastri. Gli esempi sono numerosi e chiari: l'aiuto reciproco e la solidarietà sono molto più efficaci ed efficienti degli approcci dall'alto verso il basso ai disastri. Persino il Department of Homeland Security, ordinariamente diametralmente opposto al lavoro di anarchici, antiautoritari, anticapitalisti e altri sognatori di un mondo migliore, ammette l'efficacia superiore di questo modello di rete orizzontale, decentralizzato, rispetto a quello di comando e controllo dall'alto verso il basso. Nel 2015, in occasione del decimo anniversario dell'uragano Katrina, il Common Ground Collective ha tenuto una riunione a casa di Malik ad Algeri, durante la quale le persone hanno riflettuto sulla bellezza, l'angoscia e il trauma dell'esperienza di Common Ground. Il mondo migliore che conoscevamo era possibile e aveva cercato di aiutare l'ostetrica a New Orleans dopo che Katrina sembrava nata morta.

Il soccorso reciproco in caso di catastrofe è un approccio radicale al soccorso in caso di catastrofe e all'organizzazione del movimento sociale. È un'organizzazione, una rete, una tattica e un movimento. Mutual Aid Disaster Relief, il collettivo/organizzazione/rete, è iniziato nella sua attuale iterazione nel 2016, quando diversi veterani delle precedenti mobilitazioni di soccorso in caso di catastrofe si sono riuniti e hanno gettato le basi per una rete permanente per rispondere ai disastri, dal basso.

Mutual Aid Disaster Relief riconosce i fallimenti del movimento per il soccorso basato sulla solidarietà in passato e cerca di imparare da quegli errori, basandosi sulle lezioni apprese da decenni di risposta ai disastri guidati dalla comunità da cui prendiamo ispirazione e assicuriamo che le migliori pratiche, relazioni e le risorse sono pronte per essere impiegate per supportare le comunità colpite da futuri disastri. Da allora, Mutual Aid Disaster Relief ha continuato l'eredità del soccorso in caso di calamità autonomo, decentralizzato e liberatorio rispondendo alle inondazioni storiche a Baton Rouge, inondazioni in West Virginia, uragani nel sud-est degli Stati Uniti e sulla costa del Golfo, tornado nel Tennessee, Standing Rock, Gli uragani Irma e Maria a Porto Rico, gli incendi della costa occidentale, la pandemia di coronavirus e altro ancora: costruzione di centri benessere, fornitura di farmaci salvavita, pulizia dei detriti, sventramento di case allagate, distribuzione di forniture, distribuzione di maschere e altri dispositivi di protezione individuale, assistenza con gli sforzi di ricostruzione attraverso la purificazione dell'acqua e le infrastrutture solari, la copertura dei tetti, la difesa dei prigionieri incarcerati, l'amplificazione di altri sforzi di soccorso di mutuo soccorso liberatorio, l'impegno nell'azione diretta e molte altre attività per sostenere la sopravvivenza, l'empowerment e l'autodeterminazione delle persone. Invece di soppiantare o sostituire le manifestazioni spontanee di mutuo soccorso, Mutual Aid Disaster Relief collabora con e sostiene le manifestazioni locali e spontanee di mutuo soccorso ed eleva gli sforzi delle comunità in prima linea che guidano i propri recuperi sulla scia di momenti di crisi visibili e l'invisibile, in corso disastri del capitalismo, colonizzazione, estrazione di risorse, violenza di genere, supremazia bianca e abilità, tra le altre forme di dominio. Ispirati dalla Pedagogia degli oppressi di Paulo Freire e dall'altra campagna zapatista, nel 2018 abbiamo attraversato diverse bioregioni e abbiamo imparato molto su cosa sia l'aiuto reciproco e disastri vari come uragani, tempeste di neve e incidenti chimici agli oleodotti, supremazia bianca , e gentrificazione.

In questo popolare tour educativo, abbiamo enfatizzato la cooperazione e l'autodeterminazione, piuttosto che aspettare che gli aiuti arrivino dall'alto. I nostri workshop hanno iniziato riconoscendo i disastri come molto più delle catastrofi acute del caos climatico o delle rotture improvvise delle infrastrutture. Viviamo ogni giorno nei disastri della colonizzazione e del capitalismo, ed è a questi disastri sistemici che passiamo il nostro tempo a rispondere dopo che le braci si sono raffreddate o le acque si sono pulite. I cicli naturali della Terra non sono il problema. Il disastro è il modo in cui le istituzioni capitalizzano e creano disuguaglianza. È la struttura di potere che detiene il monopolio degli aiuti, ma si rifiuta di distribuirli a chi ne ha più disperato bisogno. Nel definire il "disastro" in questo modo, abbiamo creato un'ampia rete, incontrato comunità con diversi livelli di preparazione e fatto brainstorming sulla logistica di un approccio intersezionale all'organizzazione che impara dal passato e costruisce programmi di sopravvivenza per il futuro. Abbiamo passato molto tempo con i nostri nuovi amici a discutere di speranze e paure, del lavoro collettivo del dolore e di quanto sia necessario andare avanti alla velocità della fiducia, per creare un bene comune di cura piuttosto che una cultura del burnout. Un tema importante che abbiamo condiviso è che la nostra "audacia è la nostra capacità". Abbiamo costantemente perfezionato il contenuto e la narrativa delle nostre lezioni per evocare più magia nelle nostre conversazioni. Il nostro team intimo si è supportato a vicenda per prendere decisioni rapide, organizzare la trama, creare post su Instagram, guidare a lunga distanza e gestire i fondi, il tutto fornendo reciprocamente feedback costruttivi e concedendosi del tempo occasionale per fermarsi nella natura. Questo lavoro è pesante, ma ci siamo uniti al tour con molto cuore e, mentre viaggiavamo per migliaia di chilometri, siamo stati riforniti con tanta cura e ispirazione dalle persone che ci hanno invitato nelle loro comunità. 

In comune, stiamo tutti assistendo alla crisi della gentrificazione, alla mancanza di alloggi a prezzi accessibili, alla scomparsa delle infrastrutture pubbliche, a un movimento suprematista bianco e a un ambiente sempre più tossico. Molte persone con cui abbiamo comunicato, allo stesso modo, avevano assistito alla mancata risposta dello Stato a seguito di gravi disastri e stavano anche cercando modi per agire direttamente. Nonostante un panorama così scoraggiante, abbiamo trovato persone che preparano le loro comunità per le risposte a disastri acuti mentre organizzano sforzi di mutuo soccorso che cercano di affrontare collettivamente anche quelli in corso. Dopo che il nostro tour si è fermato, alcune comunità hanno continuato a incontrarsi sul tema della preparazione per costruire su corsi di formazione preesistenti, condivisione di risorse e relazioni di solidarietà prima della crisi.

Da molti punti di vista, sembrava che avessimo perso terreno. Ci è stato detto che era troppo tardi; che l'umanità è stata dimenticata. Abbiamo visto nuvole scure incombere sulle comunità. Ma durante il tour abbiamo incontrato innumerevoli organizzatori che stavano andando avanti per incontrare le brillanti alternative che stavano immaginando. Una delle parti migliori del popolare tour educativo è stata sentire le persone esprimere gratitudine per l'opportunità che le nostre fermate hanno aperto per riunirsi con persone nelle loro regioni e tenere un piccolo spazio l'uno per l'altro per parlare degli incubi che li tengono svegli la notte, e il sogni che li fanno andare avanti. Abbiamo affrontato sfide scoraggianti, ma abbiamo perseverato e lavorato insieme per trovare soluzioni grazie in gran parte a tutti coloro che ci hanno nutrito, ospitato e si sono presi cura di noi durante quegli epici viaggi. È stata un'esperienza potente per connettersi più intenzionalmente con la nostra rete. Siamo andati più a fondo con le relazioni esistenti, abbiamo iniziato a creare nuove entusiasmanti possibilità e abbiamo anche avuto un impatto pratico sui progetti locali, utilizzando le nostre risorse e il tempo libero per trasportare strutture abitative in un campo di blocco delle condutture in Minnesota, per prendere il muro a secco per un anziano in bisogno di riparazioni domestiche a New Orleans e di fornire kit medici per l'avviamento al Wolfpack Gunshot Response Team a Cleveland. Abbiamo anche aiutato i Water Protectors a combattere il Bayou Bridge Pipeline al L'eau Est La Vie Camp in Louisiana, e ci siamo riuniti con i residenti di Flint che manifestavano contro la chiusura dello stato della distribuzione gratuita di acqua in bottiglia, consentendo a Nestlé di raddoppiare il furto di risorse idriche nel Michigan. Riconnettersi con tali gesti, sepolti sotto anni di vita normalizzata, è l'unico mezzo praticabile per non affondare con il mondo mentre sogniamo un'età all'altezza delle nostre passioni.

Nel 2020 è arrivato il più grande shock capitalista disastroso: il COVID-19. Milioni di persone sono state uccise. Ma le mobilitazioni comunitarie per il mutuo soccorso e la solidarietà medica si sono formate in tanti spazi quanti il ​​nuovo coronavirus si era diffuso. Da un continente all'altro, le persone hanno innovato e navigato attraverso la soppressione dell'informazione, l'inadeguatezza e l'impreparazione del governo, un tentativo di radicamento dell'autoritarismo globale, nonché la carenza di approvvigionamento nelle economie di panico mentre il mercato azionario è crollato. I prigionieri sono stati costretti a lavorare per una paga minima o nulla per realizzare mascherine e disinfettante per le mani. Allo stesso tempo, carceri, carceri, centri di detenzione e strutture di detenzione minorile sono state incubatrici di malattie e diffusa negligenza medica, causando la morte di un numero incalcolabile di persone incarcerate.

Molti in posizioni di potere stavano costantemente facendo il lavoro di delegittimare le proprie posizioni e la risposta dello Stato alla crisi del coronavirus. La sfera politica e culturale era piena di spettri di xenofobia, razzismo e abilità. L'informazione inclusiva sulla salute pubblica, la graduale proliferazione online, è stata un antidoto e fondamentale per la sicurezza e la salute pubblica della nostra comunità. Mentre le persone nelle posizioni più alte del governo hanno minimizzato la crisi e ignorato i bisogni della gente, è in queste condizioni che è emersa una bella effusione e fioritura di aiuto reciproco di provenienza comunitaria per fornire forniture a persone immunocompromesse, organizzazione a livello di strada nei quartieri di tutta il mondo fornendo supporto medico, distribuzione di cibo e acqua ai vicini con varie vulnerabilità, raccolta di risorse e informazioni e controllo dei copiosi livelli di dati in arrivo di giorno in giorno per aiutare a sostenere la salute delle comunità mentre affrontavamo i modi nuovi e strani che un disastro globale potrebbe arrestare il sistema, lasciare dietro di sé una catastrofe e colpire le comunità per difendersi da soli e gli uni dagli altri. Le reti di mutuo soccorso si sono formate e sono cresciute per tenerci al sicuro e accuditi in tempi pericolosi. Risuonano in noi le parole di Audre Lorde: “Non siamo mai stati fatti per sopravvivere”. Quando i padroni (o la povertà) costringevano le persone a mettersi al lavoro malate, si evidenziava la necessità di una trasformazione fondamentale del nostro sistema economico. L'apartheid vaccinale ha messo a nudo le contraddizioni genocide della politica globale.

La solidarietà radicale in ogni angolo del mondo continua una risposta compassionevole e informata al Covid-19 per creare accesso, risorse e potere per tutte le persone in tutti i luoghi. Le persone del mondo stanno gridando dai luoghi più profondi dentro di loro per non tornare alla "normalità". Il capitalismo neoliberista, il colonialismo dei coloni e lo Stato hanno minacciato e continuano a minacciare la vita come la conosciamo. Siamo a un bivio: una via è l'annientamento, l'altra è la liberazione. Malik Rahim ci ha sempre detto che la nostra generazione sarebbe stata conosciuta come la più grande generazione o la generazione più maledetta che ha sperperato la vita su questo pianeta come lo conosciamo. Chi non impara dal passato è condannato a ripeterlo, ma chi crea il futuro è chi lo può vedere. Il futuro, da qui, non è scritto. Ti invitiamo a scriverlo con noi.

DOMANDE FREQUENTI

Che cosa è il soccorso in caso di disastro e cosa fa?2019-08-14T21:29:05-04:00

Aiuto reciproco di soccorso in caso di calamità è una rete di base la cui missione è fornire assistenza in caso di catastrofi basata sui principi di solidarietà, aiuto reciproco e azione diretta autonoma. Lavorando con, ascoltando e sostenendo le comunità colpite, in particolare i loro membri più vulnerabili, per guidare la propria ripresa, ci sforziamo di costruire comunità a lungo termine, sostenibili e resilienti. Aiuto reciproco Disaster Relief risponde alle catastrofi, educa sull'organizzazione della comunità come preparazione alle catastrofi e risposta collaborativa alle crisi di quartiere, raccoglie e diffonde le lezioni apprese sul campo e sostiene e fornisce un tessuto connettivo tra altri gruppi di base che svolgono attività di risposta.

Il soccorso in caso di disastro reciproco comprende attivisti che sono stati coinvolti in una varietà di risposte alle catastrofi, hanno esperienza nel lavoro educativo e nella costruzione di reti, e hanno e continuano a sostenere i progetti basati sulla mutua assistenza e le attività di giustizia delle loro comunità. Stiamo assistendo e aggiungendo a un movimento di soccorritori che forniscono un'alternativa al modello gerarchico di risposta del governo e del no-profit del complesso industriale, che preserva lo status quo e beneficia dei disastri che crea. Al contrario, il soccorso in caso di disastro è basato sulla solidarietà, sulla relazione, sulla partecipazione e radicato nella comprensione dell'opera di soccorso in caso di disastro come opera della giustizia il cui obiettivo più grande è la sopravvivenza, l'autodeterminazione e la liberazione collettiva. 

Il mutuo soccorso umanitario è una rete decentralizzata, definita dal carattere e dalla creatività di una moltitudine di comunità e messa insieme dal nostro impegno collettivo di sostenere la solidarietà con le persone colpite da catastrofi e invertire la tendenza a favore della giustizia climatica. È un commovente, crescente, contrattuale, organico, dinamico milieux di persone affini ma diversificate. La nostra rete non è tanto un esercito permanente di volontari quanto una rete intrecciata di individui, affinità e relazioni, alcuni già attivi, molti altri che detengono l'energia potenziale per agire in caso di disastro. La fluidità e la natura amorfa della nostra rete ci consentono di adattarci a shock e circostanze mutevoli e di supportare contesti diversi in modi unici. 

Comprendiamo che connettersi con comunità diverse e imparare gli uni dagli altri ogni giorno è uno dei nostri più grandi punti di forza, e esistono già innumerevoli reti informali, con più formazione ogni giorno. Il soccorso in caso di disastro di mutuo soccorso è solo un minuscolo ramo di questo superorganismo in rapida crescita ed è composto da persone impegnate a sostenere la crescita del più grande movimento autonomo di risposta ai disastri basato sull'aiuto reciproco, cercando di incoraggiare più connessioni, ispirare i nuovi arrivati ​​e facilitare l'apprendimento di importanti abilità e tattiche, contribuendo nel contempo al benessere e all'autodeterminazione dei sopravvissuti a un disastro.

In che modo il mutuo soccorso è in relazione con il movimento di soccorso autonomo di base più ampio e di base?2019-08-14T21:28:57-04:00

Aiuto reciproco di soccorso in caso di calamità si considera un coltellino svizzero all'interno della più ampia cassetta degli attrezzi del movimento autonomo di risposta alle catastrofi basato sull'aiuto reciproco. La nostra rete comprende molteplici progetti, tra cui attività di risposta sul campo, creazione di reti e relazioni in tutto il movimento e programmi educativi che mirano a far crescere l'uso dell'aiuto reciproco come quadro per la preparazione, la risposta e il recupero delle catastrofi. Ma riconosciamo e ci impegniamo anche a sostenere altre iniziative e progetti con obiettivi simili poiché riteniamo che solo un movimento di movimenti può aiutarci a sopravvivere allo spettro della devastazione climatica che si profila all'orizzonte. 

Riconosciamo e celebriamo che il movimento di base, la liberazione, basata sulla solidarietà, la risposta autonoma alle catastrofi è molto più grande del mutuo soccorso umanitario ed è composta da molti individui, collettivi, organizzazioni e reti diverse con le proprie identità. Parte della nostra missione è supportare questa rete interconnessa di persone che sono ispirate ad agire durante il disastro, indipendentemente da come si definiscono. 

Inoltre, non ci consideriamo un'autorità all'avanguardia o centrale nella risposta ai disastri. Altri gruppi con convinzioni e strutture diverse hanno e continueranno a rispondere alle crisi. Persone in tutto il mondo si impegnano ogni giorno in soccorsi in caso di catastrofe da una prospettiva di aiuto reciproco e noi vogliamo incoraggiare e imparare da questo lavoro importante e affermativo. Non abbiamo scelto il nome Aiuto reciproco in caso di catastrofe perché vogliamo cooptare questi movimenti, ma perché vogliamo elevare costantemente questa tattica e questa prospettiva e fornire una casa a tutti gli altri che, come noi, trovano un significato profondo in orientando le loro vite sulla preparazione della comunità alle catastrofi e sulla risposta alle crisi fai da te

Qual è la struttura decisionale del soccorso in caso di disastro reciproco?2019-08-14T21:30:09-04:00

Il mutuo soccorso umanitario è attualmente costituito da numerosi gruppi di lavoro semi-autonomi con diversi ambiti di lavoro. La direzione e le attività di ciascun gruppo di lavoro sono in gran parte stabilite dal gruppo di lavoro stesso. Mentre i gruppi di lavoro hanno un buon grado di autonomia per svolgere attività che rientrano nella loro portata, sono tutti responsabili verso un cerchio più ampio. I gruppi di lavoro a volte presentano proposte al circolo generale per la ratifica, in particolare quando si tratta di una questione di preoccupazione per l'intera organizzazione, come la modifica delle nostre politiche interne.

La cerchia generale è composta da persone che hanno espresso e mostrato impegno a lungo termine per il progetto e si riunisce regolarmente per aiutare a condividere informazioni tra gruppi di lavoro e prendere decisioni che richiedono il contributo di tutti. I gruppi di lavoro sui programmi, operativi e in corso di mobilitazione si incontrano con la frequenza necessaria. Sempre più, cerchiamo di devolvere il processo decisionale nella scala "più locale" possibile ("sussidiarietà"), il che significa che vengono prese più decisioni all'interno di piccoli gruppi di lavoro, da quelli più vicini al problema e maggiormente influenzati dalla soluzione, piuttosto che dal cerchio generale. Il consenso è la parola chiave. Cerchiamo di non votare, ma arriviamo a un risultato reciprocamente soddisfacente per tutti i partecipanti. Se non si è a proprio agio con una decisione, identificano e propongono nuove alternative. Piuttosto che la domanda, "Sono d'accordo con questo 100%", spesso la domanda è "Posso essere d'accordo con questo?" Altrettanto importante, viene fatto uno sforzo anche per condividere il potere decisionale con i sopravvissuti al disastro colpiti quando affatto possibile. 

Un altro elemento del processo decisionale di soccorso in caso di disastro reciproco è il comitato direttivo, che adempie al proprio dovere di diligenza monitorando attentamente le attività dell'organizzazione, rivedendo periodicamente questioni finanziarie e operative e intervenendo nelle decisioni che ritiene dannose, eccessivamente rischiose, minacciando l'aiuto reciproco in caso di catastrofe o in contrasto con la missione, ma in caso contrario lavora in tandem come responsabili della codecisione. Forniscono inoltre assistenza in caso di disastro di mutuo soccorso con continuità e sostenibilità organizzativa a lungo termine, lavorano per costruire la leadership all'interno della rete nazionale e lavorano a stretto contatto con i gruppi di lavoro di soccorso in caso di mutuo soccorso per garantire la continuità con le campagne, i bisogni e i processi di soccorso in caso di mutuo soccorso. 

Incoraggiamo inoltre fortemente la formazione di gruppi di affinità e, se necessario, i portavoce, per promuovere l'auto-organizzazione e l'autonomia nell'ambito del soccorso in caso di disastro di aiuto reciproco, soprattutto in caso di mobilitazione di grandi catastrofi. 

Questo approccio su più fronti ci ha permesso di rimanere fluidi, dinamici e rispondenti alle esigenze dei sopravvissuti alle catastrofi e di combinare il processo decisionale collaborativo e partecipativo con il rispetto dell'autonomia.

In che modo il lavoro di risposta alle catastrofi del soccorso in caso di disastro reciproco è correlato al lavoro di risposta locale?2019-08-14T21:30:57-04:00

Reciproca soccorso in caso di aiuto reciproco si impegna a supportare i gruppi localmente radicati nella loro risposta e ispirare più gruppi di affinità ad agire, più collettivi da formare e più organizzazioni da fondere. Non vogliamo soppiantare o sostituire manifestazioni spontanee di mutuo soccorso e non annulliamo la necessità di formare gruppi emergenti. Invece, cerchiamo di costruire relazioni con, imparare da e ascoltare gruppi radicati localmente nel nostro lavoro di risposta sul campo. 

Il soccorso in caso di disastro si oppone al disastro del colonialismo. I veri primi soccorritori sono le persone più colpite sul campo e lo rispettiamo nella nostra analisi e approccio. Altri gruppi con credenze e strutture diverse hanno e continueranno a rispondere alla crisi. Vogliamo chiarire che sosteniamo e vogliamo amplificare i gruppi di risposta emergenti locali (come i Centros de Apoyo Mutuo, West Street Recovery, ecc.), Ma certamente non parliamo per loro o per qualsiasi altro disastro autonomo e indipendente risposta o sforzi di mutuo soccorso. Il nostro obiettivo è di parlare e vivere le nostre verità mentre alzano le voci di coloro che svolgono un lavoro simile.

In che modo il mutuo soccorso può aiutare il mio gruppo di mutuo soccorso locale che sta rispondendo a un disastro o sta facendo un lavoro di recupero?2019-10-24T13:36:05-04:00

Il soccorso in caso di catastrofe può essere di aiuto in vari modi. Siamo in grado di pubblicare elenchi di esigenze, raccolte di fondi e notizie per il nostro pubblico nazionale. Potremmo essere in grado di metterti in contatto con gruppi che hanno esperienza nell'organizzazione di lavori di risposta e recupero se stai cercando consigli o ispirazione, o forniamo noi stessi questo consiglio o tutoraggio. Potremmo essere in grado di indirizzare una Wishlist Amazon a te. Potremmo essere in grado di indirizzare volontari o rifornimenti a modo tuo. Essendo una rete di volontari, la nostra capacità varia. Ma siamo flessibili e fluidi e, proprio come facciamo con i singoli sopravvissuti al disastro, diamo la priorità a chiedere e ascoltare gli sforzi emergenti di risposta al disastro. Quindi, se hai bisogno o richiesta, anche se è diverso da quello che hai appena letto qui, ti preghiamo di contattarci.

Un disastro, e io e i miei amici stiamo formando uno sforzo locale di soccorso reciproco per rispondere. Sono disponibili persone di soccorso in caso di disastro per aiutare a parlare attraverso alcune cose?2019-08-14T21:32:29-04:00

Assolutamente! Contattaci al [email protected].

Ci sono così tanti disastri in così tanti luoghi, come decidi tu quando e dove rispondere?2019-08-14T21:33:03-04:00

Gran parte del lavoro di risposta alle catastrofi radicato nella giustizia ha luogo prima che si verifichi il disastro, poiché la forza locale di collettivi, affinità e reti fornisce i nutrienti per una vibrante risposta alimentata dalle persone al momento di una crisi. Parte del nostro lavoro come rete è quindi quello di approfondire e accrescere continuamente le nostre connessioni con diverse persone in tutto il paese prima delle catastrofi. Quando le catastrofi colpiscono, queste relazioni tra la nostra rete e altre reti locali al disastro ci aiutano a guidarci nella nostra capacità di rispondere in modo solidale.  

Siamo una piccola ma crescente squadra di volontari che ha una capacità personale e organizzativa limitata. Inoltre, ci impegniamo a integrare l'assistenza comunitaria e la guarigione della giustizia in questo lavoro, invece di perpetuare il patriarcato in caso di calamità. Quindi non possiamo promettere di rispondere ovunque, ogni volta. Quando rispondiamo a un disastro, lo facciamo laddove siamo invitati e quando abbiamo la capacità in modo che il nostro lavoro si formi organicamente in relazione con la risposta locale. Cresciamo continuamente la nostra rete, costruendo e consolidando relazioni, immaginando sempre cosa saremo in grado di fare domani. E intanto facciamo ciò che possiamo, rispondiamo quando siamo capaci con integrità, rispetto, compassione e cura, nello spirito di mutuo aiuto e solidarietà. E speriamo che tu sia ispirato a fare altrettanto.

Hai capitoli locali?2019-08-14T21:33:42-04:00

Mutual Aid Disaster Relief non è attualmente un'organizzazione basata su capitoli. Supportiamo gruppi di affinità e collettivi che continuano ad essere autonomi e che lavorano nelle loro comunità locali, allo stesso tempo che si collegano alla risposta alle catastrofi quando sono in grado e disposti. Incoraggiamo le persone a lavorare con gli altri nella loro comunità di origine per formare e far crescere diversi programmi di mutuo soccorso localmente radicati, con i loro nomi e identità. E poi, sia come individuo che come collettivo, sfrutta tali relazioni e risorse quando un disastro colpisce a livello locale, regionale o più lontano. E, naturalmente, cerchiamo sempre di crescere e accogliere nuovi volontari. Unisciti al nostro gruppo Facebook o e-mail [email protected] e facci sapere i modi ideali in cui desideri collegarti.

Avete tutti lo stato 501 (c) (3)? Le donazioni sono deducibili dalle tasse?2019-08-14T21:35:03-04:00

Sì. Il soccorso in caso di disastro reciproco è uno sforzo radicato nel movimento sociale, e il nostro flusso e riflusso di partecipazione, modello di gruppo di affinità, organizzazione non gerarchica, e così tanto altro su di noi non si inserisce perfettamente in un modello senza scopo di lucro e rimaniamo critici nei confronti del complesso no profit industriale. Tuttavia, abbiamo scelto di accedere allo stato senza scopo di lucro per aiutare ad aprire le porte e fornire un elemento di continuità e permanenza al movimento autonomo di soccorso in caso di catastrofe. Le donazioni sono deducibili dalle tasse e possiamo fornirti una ricevuta di donazione su richiesta.

Il mutuo soccorso può essere uno sponsor fiscale per il mio gruppo di risposta?2019-08-14T21:35:35-04:00

No scusa! Ma al momento non siamo istituiti come sponsor fiscali per altre organizzazioni.

Cosa posso aspettarmi dal punto di vista logistico se dovessi essere coinvolto in una mobilitazione in caso di aiuto in caso di catastrofe?2019-08-14T21:36:11-04:00

Durante una mobilitazione in caso di soccorso in caso di mutuo soccorso, come regola generale, per scoraggiare il turismo catastrofico, i volontari sono tenuti a finanziare la propria strada verso il luogo di un disastro. Ci aspettiamo che i volontari si rechino sul posto utilizzando le proprie finanze, in seguito potremmo essere in grado di fornire rimborsi per le forniture acquistate o altre spese simili correlate allo svolgimento del lavoro. Vogliamo che i nostri volontari si sentano in grado di soddisfare i bisogni emergenti critici dei sopravvissuti al disastro, con la consapevolezza che il soccorso in caso di disastro di aiuto reciproco li appoggerà. Mettiti in contatto con noi a [email protected] oppure verifica con un coordinatore del sito per vedere se siamo in grado di fornire un rimborso prima di effettuare un acquisto. Le ricevute sono sempre richieste. Al momento ci affidiamo a piccole donazioni e disponiamo di un budget ridotto, quindi viene incoraggiata qualsiasi raccolta di fondi privata per gli sforzi di soccorso di singoli o gruppi di affinità.

Ti consigliamo di pianificare qualsiasi situazione di disastro quanto più autosufficiente possibile. Molti volontari che hanno lavorato con noi hanno i loro veicoli che fungono anche da posto per dormire. Spesso lavoriamo con chiese locali, moschee e altri centri comunitari per poter avere alloggi di base per volontari. Altre volte, il campeggio o stare su un divano è l'unica opzione. In genere mangiamo ciò che condividiamo con la comunità. Se hai esigenze dietetiche specifiche o di altro tipo, ovviamente cercheremo di soddisfare, ma ti consigliamo di portare ciò di cui hai bisogno.

Ci incontriamo a volte formalmente, a volte informalmente ogni giorno per discutere delle esigenze emergenti e dei modi per soddisfare tali esigenze. È del tutto normale essere nervosi la prima volta. Ma vogliamo essere una comunità accogliente e ti aiuteremo ad orientarti.

Posso partecipare al soccorso in caso di disastro di mutuo soccorso?2019-08-14T21:36:58-04:00

Decisamente! Se ti allinei con i valori fondamentali e i principi guida, ti invitiamo a unirti a noi. Abbiamo molto lavoro da fare e vogliamo sempre più persone che partecipino ai nostri progetti esistenti e ne pianifichino di nuovi. Contattateci a [email protected] per farci sapere il tuo modo ideale di collegarti.

Torna all'inizio